Site Overlay

Marketing dei libri – Consigli di lettura di Romena Brugnerotto

Fabio SEVERINO, Marketing dei libri. Teorie e casi di studio,
Milano, Editrice Bibliografica, 2012

Con questo libro di Fabio
Severino, inauguriamo un appuntamento dedicato al marketing e alla
comunicazione per la cultura. Lo faremo raccontandovi brevemente alcuni libri
che potrebbero essere utili nella biblioteca di chi si occupa di marketing
culturale. Romena Brugnerotto

In questo volume Severino, che
tra le altre cose è editor del trimestrale “Economia della Cultura”, affronta
il tema di come si vendono e si promuovono i libri e di quali strategie dovrebbe
adottare una casa editrice per promuoverli.

In questo caso, tutte le teorie
del marketing vengono riviste e applicate ad un prodotto molto particolare
perché non solo è ritenuto uno degli elementi base della formazione della
nostra cultura (non a caso ci sono un tantissime campagne per avvicinare le
persone alla lettura) ma è in se uno strumento nel quale si cercano  gratificazioni sensoriali, sociali ma anche
profondamente intime.
Le analisi proposte ci raccontano
di come il lettore acquisti il suo libro: forse il dato più interessante è il
33% dei lettori acquista un libro su suggerimento di amici o parenti e quasi il
20% lo fa spinto dalle presentazioni degli opinion leader (il libro non lo dice
ma sarebbe interessante una nuova analisi che considerasse quanta parte hanno i
blogger nell’influenzare una scelta). Ecco che solo una piccola parte fa un
acquisto spinta dalle indicazioni del marketing e della promozione, certo uno
strumento che rimane la base per arrivare al grande pubblico.
Che cosa trasforma un libro in un
successo editoriale? Sicuramente la base è la qualità del contenuto ma altri
elementi fondamenti sono l’efficacia dell’ufficio stampa in fase di lancio
(attraverso tutti i canali online e offline) e la posizione riesce ad
acquistare il libro nel punto vendita (e in effetti, in alcune catene di
librerie, il posto bisogna proprio acquistarlo, almeno quello in vetrina).
Da una parte l’ufficio stampa
deve quindi coordinare tutti i canali nelle attività di marketing (pubblicità,
social media, premi e festival, sponsorizzazioni, direct marketing, punto
vendita, web marketing, mobile marketing) e dall’altra è fondamentale che pensi
con le giuste modalità a tutte le possibilità di vendita considerando oramai
che ad esempio nella grande distribuzione (GDO) avviene oramai il 29 % delle
vendite (e spesso un volume cambia copertina per essere messo in vendita nei
supermercati della grande distribuzione).
Nel libro sono inoltre
presenti  interessanti casi di studio
legati a diverse realtà editoriali: RCS libri e il suo
sistema informativo di marketing; la casa editrice Newton Compton, che si è
distinta per una politica dei prezza aggressiva; la De Agostini Libri che ha
fatto tesoro delle proprie conoscenze in ambito distributivo per proporsi come
mediatore competente tra le librerie e le piccole case editrici; Mac 2 Libri
che lavora nella distruzione nei grandi centri commerciali e infine viene
presentata la strategia di marketing editoriale di Sperling & Kupfer.
Una nutritissima bibliografia
chiude il libro e può essere utilissima per chi vuole approfondire la
conoscenza di questo settore.
Il volume è sicuramente utile per
chi si accosta a questo settore, per capire i meccanismi di funzionamento di case
editrici, distributori, promotori e 
librerie ma soprattutto per capire come adattare gli strumenti del
marketing alle proprie realtà e al proprio pubblico: se è vero infatti che oggi
molta importanza ha il web marketing, l’affollamento del mercato ci deve
portare a dover considerare bene quali canali di diffusione sono maggiormente
adatti al mio prodotto.
Romena Brugnerotto