Nuove competenze professionali: quali le skill?

Francesca Anzalone - Ufficio stampa e Digital PR, quali le nuove professioni?

Nuove professioni, nuovi competenze, nuove caratteristiche fanno parte di questa trasformazione sociale con l’avvento del digitale e della Cultura Digitale. Cosa sta cercando il mercato?

Tra le domande più frequenti che mi vengono poste una riguarda le nuove figure professionali dal Pr Manager al Digital PR per arrivare alle nuove skill ricercate dalle imprese e dal mercato. Gli Enti di formazione mi richiedono sempre più moduli dedicati al self marketing, alla valorizzazione delle proprie competenze, alla comunicazione del sé che naturalmente implica la percezione del sé. Ed ecco che qui entriamo in una visione della percezione del sé amplificata e con un focus molto molto forte sull’analisi critica. Quest’anno sono stata impegnata in aula proprio su questi aspetti, prima analizzando le richieste del mercato, confrontandomi poi con imprenditori e successivamente stilando delle esercitazioni per i corsisti mirate alla percezione del sé professionale, delle attitudini, delle caratteristiche e poi attraverso il confronto in aula con il team di lavoro attraverso le metodologie didattiche del cooperative learning e working. Quali sono le skill che le aziende ricercano e perché? Quale la differenza tra un dipendente e una risorsa? Come il linguaggio utilizzato ci fa percepire il valore di un’azienda?

Agli studenti dei corsi, per la maggior parte figure professionali interessate a riqualificare le proprie competenze, presentavo costantemente la necessità di lavorare in team, di creare una squadra, di avere sempre una visione proattiva e non disfattista, di contribuire al benessere e all’equilibrio delle attività aziendali. “Se non porti una soluzione sei parte del problema”, questo l’insegnamento più prezioso ricevuto nel 1997 dal Prof. Paolo E. Balboni dell’Università Ca’ Foscari di Venezia con cui avevo iniziato a lavorare. Quando esiste una criticità pensa già alle soluzioni, altrimenti anche tu sei un problema. Questo aiuta il team, questo permette di costruire, questo supporta la crescita e questo, tutt’oggi, mi permette di raggiungere sempre gli obiettivi.

Il linguaggio è fondamentale. Tu come descrivi le risorse che contribuiscono alla crescita del tuo business? Sei tradizionalista o smart?

Le 10 competenze vincenti sul lavoro nel 2020 descritte da Monica d’Ascenzo nel suo articolo sul Sole 24 Ore qui il link: http://www.alleyoop.ilsole24ore.com/2016/06/28/le-10-competenze-vincenti-sul-lavoro-nel-2020/ è il riassunto perfetto di cosa il mercato ricerca e del modo in cui ciascun candidato dovrebbe contribuire alla crescita dell’impresa, del team e degli obiettivi, come presentato nel World Economic Forum.

Condivido appieno questi aspetti, fondamentali per me nel lavoro di squadra e di costante evoluzione nel quale ci troviamo oggi.

Siamo nel pieno di una trasformazione sociale dettata anche dall’evoluzione del digitale, ci troviamo nell’era della Cultura digitale e non possiamo non renderci conto che viviamo in una società iperconessa: ora siamo davanti alla scelta esserci da protagonisti oppure da spettatori passivi che assistono alla crescita di altri. A voi la scelta!

Risorsa utile il sito del World Economic Forum: https://www.weforum.org/events/world-economic-forum-annual-meeting-2017

Ma entriamo nel merito delle skill:

Flessibilità cognitiva, negoziazione, service orientation, capacità di giudizio e di prendere decisioni, intelligenza emotiva, capacità di coordinarsi con gli altri, gestione delle persone, creatività, pensiero critico, complex problem solving.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *