Site Overlay

Come comunicare nel web: dal metodo alla mappa dell’empatia, un viaggio nella costruzione di contenuti efficaci

Come comunicare nel web: dal metodo alla mappa dell’empatia, un viaggio nella costruzione di contenuti efficaci attraverso la mia esperienza di oltre venti anni.

Come comunicare nel web in maniera efficace? Quale metodo possiamo utilizzare? Quali strumenti e strategie di content marketing? E più in generale di web marketing?

In questi mesi ho lavorato molto sia per costruire contenuti utili  da condividere con un pubblico più allargato rispetto alle lezioni in aula e negli ambienti virtuali, sia nell’analisi minuziosa delle esigenze di ciascun target al quale ho avuto il grande onore e piacere di seguire. E oggi eccomi qui con tante novità  da presentare e soprattutto con l’entusiasmo e la passione che, come dite sempre voi, sono le caratteristiche principali che traspaiono.  E di questo vi ringrazio sempre, perché leggere i vostri messaggi per me è davvero importante.

Ma veniamo ai contenuti e al nostro viaggio nella comunicazione nel web. Partiamo dalla frase che più mi caratterizza:

Non conta quello che vuoi dire, conta quello che percepisce il tuo interlocutore – P. E. Balboni

Sono cresciuta con questa frase, il mio mentore Paolo E. Balboni me la ripeteva ogni giorno, e questo mi ha insegnato la cosa più importante della vita: il mettersi sempre in ascolto.  Il mio primo libro si apre proprio con questa frase (era il 2001) e l’introduzione non poteva non essere sua! E sapete perché amo questa frase? Perché erano gli stessi concetti che mi ripeteva mio padre: devi farti comprendere, perché anche se tu stai dicendo la cosa più corretta è l’altro che deve trovare fiducia nelle tue parole. Se non comprende cosa gli stai dicendo, percepirà solo disorientamento, paura e non creerai mai la giusta connessione. Era un medico che amava profondamente il suo lavoro. E quindi l’ascolto totale era la sua caratteristica principale. “Ricordati che avrai sempre molte più cose da ascoltare rispetto a quelle che avrai da dire”.

Il problema: non comunicare efficacemente con il target

Come comunicare nel web è importante, perché ci permette di costruire relazioni significative. Chi non conosce il marketing digitale, le strategie di copy, il metodo di analisi del mercato, chi non ha analizzato la sua identità più autentica ha un problema. Il rischio è quello  di parlare sempre di sé e di costruire una comunicazione autoreferenziale. Essere univoci non fa parte del web, il web è interazione e dunque parte già con un “fuori tema”. E partire così, significa non riprendere più il filo del discorso e dunque la conversazione, l’interazione, l’essere dialogici. In altre parole la parte fondante che caratterizza l’interazione del web e la più grande opportunità che questo mezzo ci offre.

Il rischio è non instaurare una relazione e risultare al potenziale cliente un fornitore di prodotto/servizio senza valore aggiunto. Qui la scelta sarà dunque basata esclusivamente sul prezzo, pertanto “scelgo quello che costa meno”.  Oppure sarà basata sul bisogno di quel preciso momento, e dunque, ora lo prendo, ma non costruiamo nulla insieme.  Ecco perché la narrazione oggi è fondamentale: per farci conoscere più profondamente, per poter presentare opportunità e benefici che siamo in grado di generare al nostro potenziale cliente e per instaurare un legame di fiducia e quindi una relazione significativa. Questa è la base per poter guadagnare la fiducia del nostro interlocutore e di poter desiderare che investa il proprio tempo e le proprie attenzioni su ciò che abbiamo da offrire.

Il suo tempo, la sua attenzione non sono una cosa che ci è dovuta, ma un qualcosa che dobbiamo conquistare con lealtà, autenticità, rispetto e gratitudine.

Se stai pensando che basta postare dei contenuti per aumentare le visualizzazioni o il numero di visitatori di ritorno, o follower, sei sulla strada sbagliata. Bisogna dare contenuti utili, interessanti e dialogare. Ma soprattutto bisogna avere un obiettivo: la costruzione di relazioni significative.

L’altr@ è il tuo centro e tu sei la narrazione giusta

Il punto di partenza è l’altr@ e sceglierà la storia giusta da ascoltare.  Dunque non siamo noi a scegliere i contenuti, ma il target. Come? Partendo dall’ascolto profondo e attivo. Senza l’ascolto saremo sempre inefficaci, questo è un dato dal quale dobbiamo sempre partire. Per costruire contenuti utili, interessanti, di valore per il nostro target lo dobbiamo conoscere, lo dobbiamo ascoltare e soprattutto dobbiamo avere chiaro a chi ci rivolgiamo. Non  possiamo parlare a tutti. Pensare di parlare a tutti significa non costruire un dialogo con nessuno. Dunque il focus è una nicchia e imparare a conoscerla profondamente.

Ho iniziato con un”chi non conosce il marketing digitale” … perché loro potranno beneficiare sicuramente di un contenuto strategico e di supporto perché partirà con un ribaltamento del paradigma che sta utilizzando. Chi invece sta già applicando questa strategia allora potrebbe trovare nuovi stimoli, qualche riflessione o decidere di non proseguire. Ma ciò che conta è che ciascun@ abbia la possibilità di valutare e scegliere come investire il proprio tempo.

Per me il tuo tempo ha un valore e ti ringrazio per essere arrivat@ fino a qui.

Il metodo di lavoro è aiutarti a migliorare il tuo pensiero critico e analitico attraverso dei passaggi sequenziali: quello che insegno da oltre venti anni

Sono più di venti anni che insegno: dall’ambito accademico a studenti motivati e motivanti, alla formazione in aula. Imprenditori, enti, istituzioni, PA, liberi professionisti, in questi anni ho avuto l’onore di accompagnare migliaia di persone in percorsi sulla comunicazione e sulle opportunità e rischi della cultura digitale. Ma in questo ultimo mese e mezzo con più di cinquanta realtà del settore moda e turismo e oltre un centinaio tra commercio, industria, liberi professionisti, attraverso percorsi di formazione e consulenze, ho potuto toccare con mano i miglioramenti e i benefici immediati.

Attraverso le parole di tanti professionisti, le loro esperienze e le performance nel business ho avuto la conferma del miglioramento. Una crescita data dalla maggiore conoscenza del Brand o del Corporate, dalla costruzione di un’interazione migliore, e anche dall’aumento delle vendite. Il fattore comune è che tutti hanno dialogato con il target giusto e con i contenuti efficaci per quel target. Perché anche il prodotto migliore se non viene comunicato al suo pubblico non avrà l’opportunità di farsi conoscere per ciò che vale.

Applicare il metodo immediatamente dopo la lezione aiuta la performance e a fissare i concetti

Applicando il  metodo dopo ogni lezione e dopo ogni confronto sono riusciti a cambiare completamente il paradigma, l’immagine e a valorizzare la loro autenticità attraverso una narrazione estetica sempre più coinvolgente tra testi efficaci, immagini, video, storie, articoli di Blog , a partire dalla revisione del sito fino ai social, passando per la creazione di una presentazione più efficace. La percezione dei Brand e dei Corporate sono cambiate, non solo per il potenziale cliente, ma anche per i diretti interessati.  E il punto è che proprio da loro è emerso quanto poco si stavano comunicando rispetto alle tantissime cose che ci sono dietro a ciascuna realtà. E dunque, a quante opportunità si stavano perdendo nel mercato.

Come si raggiungono dunque i benefici immediati? Seguendo le indicazioni, affidandosi, iniziando un  percorso che passaggio dopo passaggio porta all’evoluzione. Ma attenzione, ogni passaggio deve essere portato a termine.

“Bastava così poco”, “quanto tempo sprecato”, … ma anche ora “ho contenuti molto più coinvolgenti e soprattutto so sempre cosa devo raccontare senza essere autoreferenziale”. Quante volte ho sentito ripetere queste frasi, eppure, se non ci fosse stata l’occasione per rimettere in discussione tutto, il meccanismo non avrebbe iniziato il suo nuovo ciclo.

I passaggi sequenziali per comunicarsi nel web in maniera efficace

Ma arriviamo a cosa possiamo fare per migliorare e dunque come comunicare nel web in maniera efficace:

1) Analisi del mercato e analisi della nicchia che vogliamo coinvolgere nel nostro business. Devo conoscere profondamente il mio target. Come? Ascoltando con grande attenzione e umiltà attraverso tutti i canali che ho a disposizione (e sono davvero numerosi e generosi di informazioni!).

2) Consapevolezza di ciò che siamo e cosa offriamo, non solo nel cosa, ma soprattutto nel come lo facciamo e perché siamo così motivati a farlo. Devo presentarmi in maniera autentica e offrire la motivazione per la quale vale la pena investire tempo e denaro con me.

3) Costruzione della narrazione sugli argomenti migliori. Lo facciamo continuamente, in base al nostro interlocutore in presenza scegliamo l’argomento migliore, perché dimenticarci online? perché continuare a rischiare di essere percepiti come autoreferenziali?  La domanda da porci non è cosa scrivo oggi, ma cosa vorrà sapere oggi il mio interlocutore? Il contenuto lo scelgono loro, non io. L’identificazione dei contenuti migliori è fondamentale nel successo comunicativo.

4) E adesso che ho chiara la direzione devo migliorare le competenze nel copy che non significa scrivere bene, essere bravi nella scrittura, ma significa avere competenze di marketing e scrivere in maniera efficace per portare il pubblico a compiere un’azione significativa. Attenzione che se questo non avviene rischiamo di vanificare tutto il lavoro precedente. Scegliere a chi affidarsi è fondamentale e determina l’opportunità o meno di crescita.

5) Last but not least arriviamo al momento della pianificazione e programmazione consapevole dei contenuti attraverso l’uso di un piano editoriale e di un calendario editoriale con l’organizzazione precisa, puntuale e coerente dei contenuti, sia in termini temporali che di priorità. La sequenza con la quale proponiamo i contenuti è fondamentale, perché se non assecondiamo il percorso del nostro interlocutore, non riusciremo mai a soddisfare le sue aspettative e quindi a costruire una relazione leale e di fiducia.

La mappa dell’empatia: strumento indispensabile per comunicare nel web in maniera efficace

E tutto questo mi permette di crescere se e solo se conosco profondamente il mio target, non solo demograficamente, di abitudini e di buyer personas, ma grazie ad un ascolto profondo attraverso tutti i canali e tutti gli strumenti a disposizione anche grazie ad una mappa dell’empatia per arrivare all’immedesimazione nel target. Ecco perché affidarsi al Visual Thinking e ad un Canvas su cui costruire le percezione in team è fondamentale, ed ecco perché in aula lavoro sempre con metodo di collaborative learning e learning by doing da sempre. La testimonianza degli altri, la percezione degli altri di come siamo e cosa facciamo, ma soprattutto di come lo facciamo ci arricchiscono.  Aumentando esponenzialmente e in maniera articolata il nostro punto di vista arriviamo ad incontrare l’altr@ nel profondo, ed è proprio lì che si crea la relazione significativa.

Se hai già lavorato con me sai che è importante l’analisi, la valutazione, la scelta e l’autenticità e hai imparato a comunicare in maniera efficace, consapevole e responsabile. Ricordati che a disposizione hai tantissimi corsi sia online disponibili in video lezioni che attraverso webinar. E poi hai anche opportunità grazie a Ente Bilaterale Veneto FVG settore commercio e turismo che ti possono fare frequentare i miei corsi gratuitamente (grazie ai loro investimenti e ai fondi della Regione Veneto, a questo link trovi l’elenco). Per qualsiasi informazione info@netlifesrl.com oppure sui direct nei social in cui mi segui.

E adesso ti dico grazie per il tuo tempo, la tua energia e per i feedback che ogni giorno mi fai arrivare.

E se vuoi approfondire altri contenuti sulla mia visione del #consapevolmente connessi, segui questo link 

 

Se preferisci puoi ascoltare il podcast Comunicare nel web